Benvenuta nel mio mondo creativo

Ciao, sono Mariangela


Sono una crafter e coach creativa per donne creative che vogliono trovare o ritrovare la propria creatività, sviluppare i propri talenti e trovare la strada migliore per realizzare i propri obiettivi. Lo faccio usando un mix di manualità e coaching attraverso varie tecniche.
Grazie ai miei multipoteri ti aiuto a fare ordine nella tua vita e nel tuo BIZ per raggiungere la vita che desideri.

scopri di più su di me
Gli ultimi articoli dal blog

14 aprile 2021

Come fare una Pin board con telaio in legno e un disco di sughero

Come fare una Pin board con telaio in legno e un disco di sughero

14 aprile 2021

diy-pin-board-con-telaio-e-sughero


Esistono un sacco di bacheche fai-da-te fatte con i materiali più differenti. Oltre ad essere un accessorio utile per fissare appunti e note importanti da tenere sotto mano diventano anche un bel complemento di arredo e home decor.

E che dire dei telai in legno? Sono davvero accessori multiuso che si prestano a molte idee creative. Puoi lasciarli in legno naturale o dipingerli con i colori in tinta con la tua stanza ed esistono in diverse dimensioni.
Io ne avevo vari inutilizzati e un piccolo spazio sull'unica parete libera della Craftroom da riempire. Così ho realizzato questa Pin board su cui appunto progetti del momento, oggetti di ispirazione e note volanti.
Ci sono altri usi che potresti fare della pin board: come realizzare una piccola Visual Board o una board per progetti creativi specifici e  temporanei per avere sempre sott'occhio le idee di ispirazione che ti servono.
Vediamo come fare!

Come fare una Pin board con telaio e sughero


Cosa ti serve


pin-board-con-telaio-e-sughero-occorrente


Come fare


Ritaglia dalla stoffa un quadrato un po' più grande del telaio.


pin-board-con-telaio-e-sughero-tutorial


Ora posiziona la stoffa nel telaio: appoggia la parte interna del telaio sul piano, poi metti la stoffa e infine metti sopra la parte esterna del telaio.


pin-board-con-telaio-e-sughero-come-fare
pin-board-con-telaio-e-sughero-stoffa


Fissa la vite del telaio in modo da tenere bene la stoffa.

pin-board-con-telaio-e-sughero-fissaggio



Ritaglia l'eccesso della stoffa lungo la circonferenza, lasciando un bordo utile di qualche centimetro per risvoltarlo all'interno e rifinire il lavoro.

pin-board-con-telaio-e-sughero-ritaglio



Con ago e filo fai una filza tutto attorno al bordo della stoffa a circa 1 cm dal bordo esterno.

pin-board-con-telaio-e-sughero-filza


Rigira il telaio sul rovescio, tira il filo della filza per arricciare la stoffa e fissa il filo con un punto e un paio di nodini.

pin-board-con-telaio-e-sughero-filza

pin-board-con-telaio-e-sughero-filza


Ora prendi il disco di sughero e infilalo sul retro del telaio incastrandolo bene e risvoltando all'interno la stoffa. Puoi usare un po' di colla sui bordi se non dovesse rimanere fermo.

pin-board-con-telaio-e-sughero-finitura


Metti un nastro o dello spago attorno alla vite per appendere la tua Pin Board.
Ora puoi pinnare biglietti e cose belle sulla tua bacheca.


pin-board-con-telaio-e-sughero-tutorial



diy-pin-board-telaio-e-sughero

07 aprile 2021

5 errori da non fare quando usi un Bullet Journal

5 errori da non fare quando usi un Bullet Journal

07 aprile 2021



Si parla molto di cosa serve, come strutturare le pagine, quali siano i migliori strumenti per tenere un Bullet Journal. Ma ci sono altrettanti errori che commettiamo quando ci approcciamo ad usare questo metodo, e alcuni anche dopo anni di utilizzo. Alcuni di questi li ho commessi anche io all'inizio, perciò se questo mondo ti incuriosisce se hai intenzione di iniziare.


Gli errori più comuni quando usi il Bullet Journal


Errore #1: la ricerca della perfezione


Ok, ammetto che questo è il primo errore che ho fatto anche io all'inizio della mia avventura con il BuJo e su cui ancora sto lavorando. La paura di rovinare il foglio bianco, di fare un pasticcio, di scrivere talmente male da non riuscire a leggere o la delusione di non creare delle pagine instagrammabili frena moltissime persone dall'iniziare ad usare il Bullet Journal.
Partiamo dal presupposto che il Bullet Journal non è per tutti. E va bene così! E' impensabile che esista un solo sistema che vada bene per l'intera umanità.
Io consiglio sempre di sperimentare il metodo per alcuni mese e vedere come funziona e se risponde davvero alle nostre esigenze. Altrimenti è il caso di trovare una normale agenda con la quale ci si sente più a suo agio. 

L'idea di dover per forza creare delle pagine perfette è solo un'illusione. Se usi gli acquerelli le pagine si arricciano, se usi pennarelli indelebili il colore passa oltre il foglio, se cancelli con forza la pagina potrebbe bucarsi e se usi penne di bassa qualità l'inchiostro potrebbe macchiare e spandersi ovunque.
Questo ti sembra un buon motivo per non iniziare o abbandonare il BuJo?

Ad ogni errore c'è una soluzione. Gli sbagli possono essere corretti con qualche idea fantasiosa e originale. Se sbagli o succede un pasticcio prova a pensare come puoi trasformare quel problema in qualcosa di creativo.

Le pagine perfette non esistono e sappi che alcune creative che postano le loro foto magnifiche sui social lo fanno per hobby o sono content creator che vengono pagate per farle così bene e attrarre le persone. Lascia spazio alla tua creatività e spontaneità del flusso creativo.

Errore #2: il confronto con gli altri


Su social, soprattutto Pinterest e nel feed di Instagram, siamo continuamente bombardati da moltissime immagini di pagine super bellissime, curate, scritte con una calligrafia impeccabile. Il fatto di sentirci meno capaci, avere una scrittura da gallina, di non essere brave a disegnare o di non avere inventiva è molto frequente. Confrontare i propri talenti o le proprie conoscenze con quelle degli altri, oltre ad essere una cosa da non fare, non fa altro che nuocere alla nostra creatività.

Prima di tutto pensa che ognuno di noi ha un suo personale uso del Bullet Journal e non tutti ne fanno un uso quotidiano o lo utilizzano come un sistema di pianificazione e organizzazione del lavoro
Quando vedi una foto stupenda fermati e pensa se quel tipo di impostazione può esserti utile e soprattutto pratico nella tua gestione delle attività.


Errore #3: pensare che serva tempo per prepararlo


Il tempo è un concetto definito quanto soggettivo. Ognuno di noi attribuisce al tempo un valore molto personale e lo utilizza rispetto a quelle che sono le proprie priorità.
Uno degli aspetti che spinge le persone a non iniziare o abbandonare molto presto il Bullet Journal è il tempo speso per preparare le singole pagine.
Questo però non è del tutto corretto! Il metodo originale si basa su tre principi fondamentali, quali la produttività, la mindfulness e l'intenzionalità, promettendo di ottenere più risultati lavorando su meno cose.
Uno dei concetti principali del sistema è quello di identificare le cose davvero importanti e concentrarsi su di esse, eliminando tutto ciò che non serve. Se partiamo da questo principio va da se che usare il BuJo non deve essere un dispendio di tempo nel preparare le pagine ma deve aiutare a gestire, pianificare e organizzare al meglio il proprio tempo.
Devi chiarire molto bene qual è lo scopo di utilizzo del Bullet Journal: è un'agenda per la gestione degli impegni? un diario giornaliero? un pianificatore di progetti? uno strumento di lavoro?
In funzione dell'utilizzo dovrai dedicare il tempo che serve perchè sia utile ai tuoi obiettivi e capire quali pagine ti servono davvero.


trackers-bullet-journal
@writeintothewall


Errore #4: comprare un'infinità di materiali di cancelleria


Per le appassionate di cancelleria questo è un tasto dolente. Se ti stai avvicinando al Bullet Journal o guardi con ammirazione le creative che usano mille prodotti ti dico che non è assolutamente necessario avere un armamentario gigantesco di accessori. 
Per cominciare bastano un taccuino e una penna per scrivere. Ci sono poi degli strumenti indispensabili per sfruttare al meglio colori e ottimizzare la gestione delle pagine.
Se mai ti ritrovi davanti all'irrefrenabile voglia di acquisti compulsivi chiediti:
  1. Ne ho davvero bisogno?
  2. Intendo usarlo per altri scopi?
Se la risposta è no ad entrambe le domande cancella l'idea o rimanda l'acquisto.
Pian piano potrai sperimentare altre penne, inchiostri e accessori per decorare e rendere il tuo Bullet sempre più personalizzato.

accessori-essenziali-bullet-journal
@marymancireative


Errore #5: farlo perchè lo fanno tutti


Iniziare un Bullet Journal perchè lo fanno tutti è l'idea più sbagliata che tu possa fare. Come ti ho già spiegato è un metodo e, come tale, non è adatto a tutti quanti. Se tenti di imitare gli altri o farlo solo perchè è di moda e non corrisponde alle tue vere necessità di gestire le tue attività o il tuo lavoro lo abbandonerai molto presto. 
Molti cercano continuamente trackers e schemi da copiare solo per compilare pagine e fare disegni. Ma monitorare qualcosa, che sia la quantità di acqua che beviamo ogni giorno o l'andamento del peso, richiede impegno, costanza e concentrazione che vanno oltre alla mera compilazione di un foglio bianco. Certo, potrebbe essere un buon stimolo ma, a lungo andare, se non abbiamo una forte motivazione nel nostro intento, andrà a finire che ce ne dimenticheremo e a volte diventerà addirittura un peso o una frustrazione.
Il metodo originale, infatti, consiglia di monitorare non più di una o due attività, questo perchè non possiamo gestire e tenere tutto sotto controllo e le nuove abitudini richiedono il loro tempo per entrare  a fare parte della nostra quotidianità.



Hai fatto uno di questi errori con il tuo Bullet Journal? O ne hai fatti altri?
Se sei all'inizio di questa avventura, vuoi qualche ispirazione per creare le tue pagine o vuoi conoscere meglio il metodo iscriviti alla mia Newsletter e riceverai in regalo il book 31 giorni con il Bullet Journal. 


5-errori-da-non-fare-con-il-bullet-journal


31 marzo 2021

Come gestire l'abbondanza di informazioni e avere più tempo

Come gestire l'abbondanza di informazioni e avere più tempo

31 marzo 2021



Hai la sensazione di non avere abbastanza tempo? Ti sembra di non riuscire a star dietro a tutto ciò che vorresti?
Forse non è un problema di tempo ma di mole di informazioni che devi gestire e che ti rubano spazio per fare o pensare a quello che devi. 

Il sovraccarico di informazioni (conosciuto anche come information overload) si verifica quando si hanno a disposizione troppe informazioni per prendere una decisione. Si tratta di una problematica che si è diffusa soprattutto con lo sviluppo di Internet e delle tecnologie di supporto alla navigazione sul web.

Io sono una grande affamata di sapere e di conoscenza, comprerei tutti i corsi possibili e immaginabili di ogni cosa. Ma se dessi ascolto solo alla mia sete di sapienza non concluderei nulla e sarei sempre intenta a seguire tutte le cose fantastiche che fanno gli altri.

Per capire come gestire troppe informazioni, bisogna avere ben chiaro quali sono i nostri obiettivi, che cosa ci serve per raggiungerli e quali sono gli strumenti che ci consentono di recuperare le informazioni che ci mancano per arrivare a raggiungerli. 

Bisogna imparare a distinguere le informazioni di qualità da quelle sbagliate o superficiali, limitare le fonti, scegliere solo fonti professionali, eliminare il superfluo e utilizzando tecniche o strumenti per ottimizzare il tempo, seguendo i nostri ritmi e migliorare la concentrazione. 


Tutto questo permette di risparmiare più tempo, essere focalizzata nel proprio lavoro senza dispendio di energie e ottenere risultati più soddisfacenti che ci fanno sentire più produttive. 


Come gestire in maniera pratica il sovraccarico di informazioni 


Ecco una serie di strategie pratiche per gestire al meglio il sovraccarico di informazioni e avere più tempo:

  • scollegati dai social network e disattiva le notifiche durante i momenti di massima produttività;
  • fai decluttering nella casella di posta ed elimina tutto quello che non ti serve più, crea categorie e filtri per ordinare meglio i messaggi, disiscriviti dalle newsletter che non ti interessano più;
  • fai pulizia tra la miriade di file e contenuti che hai scaricato e forse mai aperto, seleziona ciò che davvero è utile al tuo lavoro o per i tuoi interessi ed elimina tutto ciò che non ti è di supporto;
  • seleziona poche fonti, possibilmente autorevoli, e limitati a leggere solo quelle. Quando cerchi un'informazione di un certo tipo saprai già dove rivolgere la tua attenzione senza perderti nel mare del web e aprirti diecimila finestre che trattano lo stesso argomento;
  • concentrati solo su quello che ti porta beneficio. Se sei una persona che si lascia prendere dall'ansia o dalla negatività delle brutte notizie o da quello che succede in giro per il mondo, limita il contatto con tutti i canali, e le persone, che possono trasmetterti queste sensazioni e andrà della tua salute e della tua produttività.


Strumenti e tool utili per gestire e organizzare le idee


La tecnologia non è solo il male. Se usata nel modo giusto e adatto alle nostre esigenze ci può essere di grande aiuto. Usiamo quindi la tecnologia per gestire e organizzare le informazioni in modo tale da non perdere tempo, trovarle facilmente e sistemarle in maniera logica e ordinata.
Ecco alcuni degli strumenti che ho testato in prima persona e che utilizzo quotidianamente nel mio lavoro.


Google Keep: è il servizio gratuito di Google per prendere appunti al volo e sincronizzarli su computer e dispositivi mobili. Ideale sia per fissare idee creative improvvise che per prendere appunti quando non hai carta e penna a portata di mano. 


Evernote: un’app intelligente per prendere appunti in modo veloce e ovunque ti trovi. Sincronizzabile con ben 2 dispositivi nella versione gratuita offre molte possibilità di gestione, organizzazione delle note in modo ordinato e facilmente consultabile.  

Pocket: è un'applicazione e un servizio Web per la gestione di un elenco di lettura di articoli e video da Internet. L'app consente di salvare un articolo o una pagina per leggerli in un secondo momento. Gli articoli salvati vengono inviati alla Pocket list dell'utente, sincronizzato con tutti i suoi dispositivi, per la lettura offline. Pocket aiuta a tenere in ordine gli articoli e consente all'utente di aggiungere tag ai propri articoli e di regolare le impostazioni del testo per una più facile lettura. Questa è senza dubbio una delle mie app preferite!

Feedly: un aggregatore di notizie che consente la lettura di flussi (feed) di notizie dalle fonti che ci interessano, affiancando all'inserimento di fonti personalizzate categorie consigliate. Io lo trovo molto comodo per non perdermi le news dei siti o delle persone che seguo perchè posso ri-trovarle in un unico posto.

Bonus


Braindump: ok, questo non è un tool ma un metodo molto efficace in caso di sovraccarico della mente. 
Letteralmente braindump significa “svuotare il cervello” ed è di aiuto quando ti senti bloccata perchè hai troppe cose per la testa o tra le mani da portare avanti. Scrivere su carta è già un esercizio molto utile per liberare la mente da tutti i pensieri che la sovraccaricano. 
Cosa ti serve? Carta e penna.
Come fare? Su foglio bianco, o direttamente sul tuo taccuino, scrivi l’elenco delle attività o idee che ti passano per la testa senza porre particolare attenzione a ciò che esce. L’intento è quello di svuotare il cervello, perciò scrivi a ruota libera tutto, anche quello che apparentemente ti sembra banale o di poca importanza. 


Se hai la mente sovraffollata dalle idee e hai bisogno di riordinarle e creare un piano d'azione in maniera creativa c'è il mio corso gratuito L'ordine delle Idee, 5 giorni per fare ordine e strumenti utili per creare il tuo planner. 



Come-gestire-l'abbondanza-di-informazioni-e-avere-più-tempo



24 marzo 2021

Come tenere i conti di vita e business con il Bullet Journal

Come tenere i conti di vita e business con il Bullet Journal

24 marzo 2021

come-tenere-i-conti-con-il-bullet-journal


Il rapporto con il denaro è una questione molto più profonda di quello che si pensa.
Io ho scoperto, sempre grazie a lei, di avere un buon rapporto con i soldi. Per me sono un mezzo attraverso il quale posso ottenere quello che desidero. Il denaro non è il fine ultimo dei miei obiettivi ma è lo strumento che mi serve per ottenerli.

Questo concetto è molto importante perchè la nostra cultura ci ha educate ad un certo tipo di idea sul denaro e sulla ricchezza che è strettamente collegata al nostro successo.

Io ho sempre gestito le mie finanze sin da piccola e ringrazio mia madre per avermi dato un buon esempio sulla gestione dei soldi e sul risparmio.


Dal Giappone arrivano sempre un sacco di idee e stimoli di ogni tipo quando si tratta di carta. Il Kakebo è uno di questi. L'hai mai sentito? O magari l'hai anche  usato?

Si tratta semplicemente di un quaderno con delle tabelle dove tenere traccia di tutte le spese in maniera super dettagliata e suddivisa per categoria.

Io personalmente l'ho comprato, ho compilato un paio di mesi e poi l'ho letteralmente abbandonato perchè per me era troppo "ricco" e mi faceva perdere un sacco di tempo a fare trascrizioni e calcoli (sarà che la matematica non è il mio forte!). 


Perchè monitorare le spese sul Bullet Journal?


Quando hai un business in proprio non puoi certo pensare di spendere tempo prezioso a scrivere a mano numeri su numeri, fare divisioni e moltiplicazioni ogni giorno per avere sotto controllo in ogni momento la situazione economica.

Sapete che sono una super fan del Bullet Journal e che può essere un buon strumento di gestione del lavoro
All'inizio del mio percorso lavorativo mi è stato utile utilizzare il BuJo come sistema di tracciamento per rendermi conto di come stavo gestendo le mie spese. Il fatto di scrivere e segnare buona parte delle entrate e delle uscite, fare qualche semplice conto mi ha permesso di capire come stavo amministrando il mio denaro e  quali tipologie di spese incidevano di più sul mio bilancio di business e di famiglia.

Con il passare del tempo, e quando il business diventa più strutturato, è impensabile utilizzare solo ed esclusivamente il Bullet Journal per tracciare le spese. Io ho costruito un file xls in cui mi tengo altri conti e in cui le formule mi aiutano in maniera automatica a fare dei conteggi che sarebbe impossibile per me farli a mano e ci spenderei troppo tempo. Tempo che posso dedicare ad altre attività più importanti. 
Per gestire invece la parte amministrativa di un business direi che è essenziale avere dei gestionali o dei software che ti aiutino e ti forniscano report e statistiche utili per fare il bilancio della propria attività. 


Come organizzare le tue spese con il Financial Log sul Bullet Journal


Per tenere i conti e le spese con il Bullet Journal ci sono diversi modi. Proprio come le altre pagine del taccuino anche per i conti si possono creare diversi layout che rispondano alle differenti esigenze personali. Questi schemi possono essere complicati o semplici a seconda delle necessità e dei desideri. Alcune cose di cui potresti voler tenere traccia sono le spese, i risparmi, le spese e i debiti.
Ho raccolto un po' di idee e ispirazioni che possono esserti utili per impostare le tue pagine e i tuoi tracker nel Bullet Journal.


registro mensile per segnare entrate-uscite


Prima ancora di creare un vero e proprio bilancio di spese è indispensabile capire come spendi i tuoi soldi.
Lo schema più basilare e semplice da cui partire è uno monthly expense tracker dove ogni giorno, o una volta alla settimana, scrivi ogni spesa che hai fatto.
Puoi suddividere la pagina in due colonne in cui tenere conto delle entrate e delle uscite di ogni mese, aggiungendo eventuali dettagli che ti servono per tenere traccia di dati che ti tornano utili (come la data, il tipo di spesa nel dettaglio, ecc).

In fondo alla pagina avrai i totali di entrate e uscite e potrai fare un rapido conteggio di quello che ti rimane in tasca.


bullet-journal-monthly-expense-tracker


bullet-journal-monthly-expense-tracker


monthly budget per gestire le finanze mensili


Per tenere traccia dell'andamento delle tue spese puoi costruire uno spread per tenere traccia dell'andamento delle tue finanze.
Sulla pagina di sinistra una sezione dedicata al tuo budget, al totale delle entrate e delle uscite e agli obiettivi di risparmio (ad esempio i soldi per un viaggio o l'acquisto di un attrezzatura) che compilerai solamente una volta al mese.
Sulla pagina di destra invece crei una sezione in cui tenere nota delle entrate e delle uscite mensili nel dettaglio. Qui puoi utilizzare per ogni categoria un colore diverso che renderà più semplice individuare e distinguere le varie spese creando una piccola legenda. 



Bill Tracker per monitorare budget e spese


Questa impostazione è utile per tenere traccia delle entrate e uscite, delle spese fisse mensili o delle commissioni periodiche.
Le informazioni che potrai inserire nel tracker possono essere:
  • Bill Tracker per fatture mensili, bimestrali, trimestrali e semestrali pagate
  • Tracker delle iscrizioni come pagamenti automatici per riviste, app e serie TV
  • Debiti, prestiti e pagamenti con carta di credito

Mettendo tutto in uno spread sarai in grado di vedere quando i pagamenti sono dovuti e quanto spendi nel tempo. È anche utile conservarli in modo da poter confrontare le fatture nel corso degli anni per vedere dove è possibile apportare modifiche per andare controllare la tua situazione finanziaria.


bullet-journal-monthly-bill-tracker
@the.petit.planner

Questi sono solo alcuni esempi di come puoi impostare le tue pagine. Se hai bisogno di altra ispirazione seguimi su Pinterest dove selezioni idee e spunti dal gusto minimal e di facile realizzazione. 


come-gestire-i-conti-con-il-bullet-journal


17 marzo 2021

Ostara: idee magiche e creative per il tuo business

Ostara: idee magiche e creative per il tuo business

17 marzo 2021

ostara-idee-e-rituali-creativi-per-il-business












Il risveglio della natura


Ostara, nota anche come Equinozio di Primavera, è la magica stagione della fertilità. Ostara cade tra il 19 marzo e il 22 marzo nell'emisfero settentrionale e simboleggia il risveglio della natura e del ritorno della dea germanica (Ostara) della fertilità. Il Sole entra nel segno dell'Ariete e dà inizio ad un nuovo anno astrologico. Chiamato anche "Giorno della Signora" e nel calendario cristiano conosciuta come Pasqua.

Ostara è un momento in cui la vita entra nel mondo o ritorna da un sonno profondo e dalla desolazione dell'inverno. Il corpo e l'anima si rigenerano nella nuova stagione e ci prepariamo a grandi cambiamenti e alla rinascita spirituale. 

Questo periodo di nuova fertilità porta con sé una migliore comunicazione mentre il chakra della gola si espande e si apre. Questo non solo aiuta la comunicazione, ma anche l'espressione artistica e la creatività. Potresti scoprire una passione per il giardinaggio o iniziare a sperimentare cose nuove e seguire il flusso dell'ispirazione. E' la magia della Primavera!


l'energia creativa di Ostara


Vivere Ostara nel tuo business vuol dire fare tutto ciò che può propiziare la fertilità nella tua attività, e quindi liberare il tuo spazio di lavoro, imparare a gestire meglio il tempo, coltivare l'abbondanza, scegliere come far germogliare le tue vendite con il marketing migliore.

Ecco alcuni rituali creativi che puoi fare a Ostara.



Fai il punto sugli obiettivi e su cosa puoi fare per raggiungerli


Questo periodo è particolarmente adatto a fare un check sugli obiettivi che ti eri prefissata e capire come attuare il piano d'azione per poterli raggiungere nella pratica. Ti sei accorta che gli obiettivi non sono allineati alla tua visione? Oppure che il planning che avevi fatto non è più sostenibile?
Fermati e concentrati sugli obiettivi annuali, sulle azioni da compiere per ri-progettare e ri-pianificare i tuoi progetti creativi


Vesti la casa con i simboli della Primavera


Decora la casa e il tuo altare con i simboli dedicati ad Ostara come le uova, il cioccolato, con immagini di conigli, pulcini e agnelli. Usa tovaglie o elementi di arredo con i colori tenui e pastellati tipici della delicata primavera e dai motivi floreali. Crea un angolo di casa dedicato alla primavera con un ramo fiorito.
A tavola servi uova sode, frittate, insalate colorate, crostate, latte, tisane o dilettati con nuove ricette cuocendo biscotti con i petali di fiori, come ad esempio questi con le violette.


Decora le uova come simbolo di fertilità e rinascita


Le uova sono un simbolo di fertilità perché producono la vita. Decora le uova con coloranti naturali come la curcuma o il succo di barbabietola, oppure con della semplice passamaneria o semplicemente dipingendo le uova con colori acrilici e pennelli o lasciati ispirare da altre idee per fare decorazioni con le uova o dei regali per la Pasqua.


Circondati dell'energia positiva dei primi fiori


Un altro simbolo associato a Ostara e alla Pasqua è il fiore. Il simbolo del fiore rappresenta la nuova vita: i fiori infatti hanno un effetto edificante su di noi. I loro colori vivaci dimostrano che anche se c'è un tempo per la morte, ci sarà sempre un tempo per la rinascita. Per onorare Ostara raccogli dei fiori di campo e mettili in un vaso sulla tua tavola o altare. Sistema vasi con tulipani, violette, giacinti e candele verdi o gialle in giro per gli ambienti per ricordarti della nuova vita.


Crea un mandala floreale e medita


Questa è un'altra attività che può essere fatta come rituale in questo periodo festeggiando la rinascita della natura. Raccogli fiori, petali di fiori, cristalli e candele per creare un mandala floreale o per colorare immagini di giardini segreti o inizia un diario creativo. Suona musica e brucia incenso alla violetta o al caprifoglio mentre compi questi rituali emanando energia positiva durante il tuo processo di creazione. 


Regalati un rituale di purificazione e scoprire il tuo lato oscuro


L'inverno spesso fa ristagnare l'energia e la trasforma in negatività. Questa si può manifestare come depressione oppure farci sentire giù ed emotivamente scarico. Il corpo è un tempio che durante l'inverno si è protetto dal freddo esterno. L'energia si sta trasformando e corpo e mente hanno bisogno di lasciare andare le vecchie abitudini stagnanti per far spazio al nuovo e far germogliare nuove idee da far crescere. Fai spazio all'energia primaverile dell'abbondanza purificando i tuoi spazi e esplorando con i tarocchi la tua parte oscura per riconoscere la tua ombra e permetterti di accettarla per evolvere e far risplendere la tua luce, ovvero l'altro lato dell'ombra. 







10 marzo 2021

Come fare dei semplici segnapagina magnetici di carta

Come fare dei semplici segnapagina magnetici di carta

10 marzo 2021

segna-pagina-magnetici-tutorial

Le agende quasi mai sono dotate di tutto l'occorrente che serve a noi e alle nostre comodità. Ma il bello di questo aspetto è che possiamo davvero personalizzarle con gli accessori che ci servono realmente e farli come piacciono a noi.

Qualche anno fa ho realizzato un porta penne per la mia agenda che ne era sprovvista, e ho creato anche delle tag divisorie per trovare facilmente le sezioni all'interno del Bullet Journal. 

In questo post invece voglio condividere con te un'idea davvero semplice e di facile realizzazione con un uso molteplice. Il segnapagina è molto comodo ma spesso voluminoso. 

Noi invece faremo un segna pagina ultrasottile e leggero per essere portato in giro (DPCM permettendo!) con la particolarità che sarà calamitato.

La materia di base sarà sempre la nostra adorata carta. Ne serve davvero molto poca perciò potete utilizzare anche dei ritagli di altre creazioni.


segna-pagina-magnetici-fai-da-te



Cosa ti serve


segna-pagina-magnetici-occorrente



Come fare


Ritaglia dal cartoncino una striscia di 2 cm x 12 cm

segna-pagina-magnetici-taglio


Con l'aiuto di pieghetta e della tavoletta punch board segna la piega a metà della lunghezza della striscia di carta. Questo ti servirà come punto di riferimento e ti aiuterà nella piega successiva.

segna-pagina-magnetici-piega


Ora taglia dal nastro calamitato adesivo due pezzetti di circa 1.9 cm x 5.9 cm. Il nastro deve essere leggermente più piccolo della striscia di carta.

segna-pagina-magnetici-nastro-calamita


Togli la carta protettiva dell'adesivo e attacca i due pezzi di nastro sul retro della striscia di carta. Fai molta attenzione perchè il nastro ha un collante molto potente e sii più precisa possibile per evitare di doverlo riposizionare. 
Nota: due strisce di questo nastro aderiscono bene una all'altra ma ha un basso potere magnetico. Il nastro infatti non è realizzato per essere usato per questo scopo e ha la stessa polarità lungo la sua lunghezza. Per questo motivo le due strisce potrebbero non essere perfettamente allineate quando si chiudono. Dovrai rifilare leggermente la forma per avere un margine pulito.

segna-pagina-magnetici-nastro-calamita


Una volta fissato il nastro magnetico chiudi a metà la strisci di carta e con l'aiuto di una forbice ritaglia il lato corto aperto dando una forma ricurva. 

segna-pagina-magnetici-finitura


Il segna pagina è pronto!
Occuperà davvero pochissimo posto e potrai metterne diversi nella stessa agenda senza il problema che aumenti troppo di spessore.

Io ne ho realizzati in diversi colori e fantasie e sono un'ottima idea regalo!


segna-pagina-magnetici-per-agenda-fai-da-te


segna-pagina-magnetici-di carta-fai-da-te


how-to-make-mark-page-magnetic-for-diary


03 marzo 2021

50 donne imprenditrici di successo a cui ispirarsi

50 donne imprenditrici di successo a cui ispirarsi

03 marzo 2021

donne-imprenditrici-e-artigiane-di-successo

In previsione dell'arrivo dell'8 marzo e della giornata dedicata alle Donne, in questo post voglio rendere omaggio ad una serie di donne imprenditrici e freelence di successo che hanno fatto del loro lavoro una vera e propria missione.

Ho selezionato le donne che ho avuto il piacere di incrociare sul mio cammino, dal vivo o in digitale, professioniste con le quali ho avuto l'onore di lavorare o collaborare, freelence che mi hanno ispirata con i loro articoli, video, interviste, podcast o i loro ricchi e profondi contenuti sui social.

Credo molto nel potere delle donne, nella loro tenacia e determinazione, nel loro spirito indomito di guerriere che combattono per i loro ideali. Sono convinta che esiste un profondo legame che unisce le donne ma solo se queste sanno usare il loro potere interiore e il rispetto nei confronti delle altre.

Ho sperimentato in prima persona cosa significa sorellanza e sono grata ogni singolo giorno di avere conosciuto donne meravigliose che oggi chiamo Sorelle. Con loro non esiste invidia, gelosia, non c'è competizione e confronto. Con loro c'è sostegno, fiducia reciproca, aiuto, collaborazione, supporto, ascolto.
Mi ritengo molto fortunata ad aver incontrato sulla mia strada queste donne e spero che anche tu possa contare su una rete femminile che ti sostenga come lo è per me. 

Ti segnalo una delle Reti al Femminile italiana, forse la conosci già, che collega molte donne imprenditrici e che si incontra periodicamente per confrontarsi su molti temi dell'imprenditoria femminile. Magari trovi supporto proprio vicino alla tua città.


Ho preso ispirazione da questo post della mia amica Monica (in cui trovi molte altre donne da conoscere) per fare il mio elenco perchè trovo che sia molto utile suddiviso per categoria di attività che ringrazio per l'ispirazione.

Ti invito a scoprire chi sono e cosa fanno queste donne e soprattutto conoscere la loro personale missione di lavoro perchè hanno molto da insegnare e tutte abbiamo sempre un gran bisogno di imparare.
Fai visita ai loro canali e scopri quante cose hanno da offrire, anche gratuitamente, e che possono aiutarti in questa fase del tuo business o della tua vita.


Business e Life coach


Qui trovi donne che parlano di business, a livello pratico e operativo ma anche del mindset da imprenditrici. Affrontano temi legati all'ispirazione, alla scrittura, al lavoro, all'intuito e al denaro, al marketing e alla gestione del business. 




Spiritualità, consapevolezza e benessere


Un ottimo business è specchio di un'ottima gestione del nostro benessere. Non esiste il fare senza l'essere. In questo elenco trovi donne che si prendono cura delle nostre emozioni, del nostro benessere fisico ed emotivo, delle nostre paure e difficoltà nell'affrontare i vari aspetti del business e della vita in generale con allenamento, esercizio fisico ma anche con un po' di magia.



Branding, Photography, Siti web & grafich designer


Uno degli aspetti senza dubbio più importanti per un business è il come si mostra all'esterno. Attraverso il personal branding, la visual storytelling, logo e identità visiva, il sito e i canali social, i colori e le grafiche delle nostre case virtuali. Dietro ad un sito c'è un mondo di professioniste che collaborano alla creazione di uno stesso progetto e ogni contributo è prezioso per la resa finale. 



Marketing & Comunicazione sostenibile


Oggi più che mai, in un contesto in cui il lavoro si è spostato molto nel digitale, è fondamentale utilizzare uno stile di voce autentico, creare contenuti fruibili, attuare una comunicazione sostenibile, utilizzare in modo efficace gli strumenti di marketing, strutturare una buona strategia e sapersi raccontare online in modo unico e originale, ciò il nostro.
Queste professioniste aiutano con il loro lavoro a fare questo ed altro!



Organizzazione e gestione del tempo


Qui c'è un elenco delle professioniste che condividono con me una gestione ottimizzata del lavoro e del tempo offrendo strumenti e tecniche per essere più produttive e trovare l'equilibrio tra vita-lavoro, aiutando altre colleghe nella gestione delle proprie attività o facendo formazione per divulgare competenze e conoscenze di buone pratiche da adottare nel proprio settore. 




Artigiane e Creative


Nel mio elenco non poteva mancare quello dedicato a donne che contribuiscono a creare, profumare, abbellire le nostre giornate, i nostri spazi di lavoro e il mondo in generale e lo fanno attraverso le loro preziose mani.
Qui trovi alcune delle artigiane e creative che voglio omaggiare perchè, in modi diversi, con il loro lavoro contribuiscono a co-creare un mondo migliore, non solo con i loro prodotti ma anche con le loro storie, condivisioni e racconti sui loro canali.



Il mio elenco di donne non finisce certo qua. Ne ho altre migliaia che mano a mano mi vengono in mente ma che per questioni di tempo e spazio non riesco ad inserire. 
Tu però puoi prendere spunto e creare un elenco delle donne che ti hanno in qualche modo cambiato la vita, di hanno supportata nel tuo lavoro o nella tua quotidianità o ti hanno donato la loro preziosa presenza nell'affrontare le imprese della vita.


24 febbraio 2021

10 idee salva tempo per ottimizzare il lavoro

10 idee salva tempo per ottimizzare il lavoro

24 febbraio 2021

idee-salva-tempo-per-ottimizzare-il-lavoro

Quando hai un business tutto tuo hai molti compiti da seguire e spesso all'inizio sei da sola a fare ogni cosa. Per questo è importante essere efficienti e organizzate per non finire stressate e sopraffate dai mille impegni.

Il tempo non basta mai a nessuno. Sappiamo benissimo che abbiamo a disposizione 168 ore in una settimana e in quel lasso di tempo devono rientrare tutte le nostre attività (comprese le ore di sonno!).

Io non credo che si nasca organizzati. Certo, ci sono persone che hanno una predisposizione naturale per essere ordinati e per gestire bene il loro tempo ma, penso che tutte possano imparare tecniche e strategie per ottimizzare il tempo ed essere più produttive.

Essere produttive, infatti, non vuol dire fare tutto. La produttività è l'unità di misura dell'efficienza. Ciò però non significa che tutto quello che poi realizzi sia effettivamente corretto e giusto. Puoi essere molto produttiva ma aver realizzato dei prodotti o dei compiti mediocri o da rifare.

Per me essere produttiva significa ottenere i risultati prefissati con il minimo dispendio di tempo e risorse possibili.
In questo post condivido con te vari modi, tecniche e suggerimenti che ho sperimentato e dai quali puoi prendere spunto per migliorare la tua gestione del tempo e ottimizzare le tue risorse.



10 idee per ottimizzare il tempo quando non ne hai



#1 programma e pianifica la giornata la sera prima


Quando sai già che cosa devi fare risparmi tempo e può metterti subito al lavoro. Pianificare richiede molto impegno ma, una volta fissati i compiti da svolgere basterà seguire il piano che abbiamo creato.
Io programmo e pianifico le giornate quasi da sempre la sera prima, in questo modo ottimizzo la prima ora del giorno successivo in cui posso già occupare il tempo facendo le cose che mi piacciono di primo mattino e poi seguire la mia lista di cose da fare aggiustandola in base all'andamento della giornata stessa.


#2 crea delle liste


Le liste sono un ottimo strumento per gestire bene il proprio tempo a disposizione, a condizione che siano fatte nel modo giusto. Niente liste lunghe eterne che mettono ansia solo a guardarle, niente elenchi di voci solo per il gusto di spuntarle!
Una to-do list serve a mettere a fuoco le attività importanti da fare, aiutare a seguire il flusso di lavoro impostato e aumentare la produttività. 

Una to-list per essere efficace deve prima di tutto essere breve. Per crearla parti da un elenco di sole 3 attività.

Queste attività sono i tuoi compiti prioritari della giornata, quelli su cui devi porre la tua attenzione e impegnarti a portare a termine.



#3 organizza la tua giornata e crea dei flussi di lavoro


Ci sono delle attività che devi fare in modo ricorrente, che sia durante il giorno, la settimana o il mese. A distanza di un certo tempo ti trovi a dover fare le stesse attività, nel medesimo modo. 

Nella gestione del tempo un buon metodo per ottimizzare i processi di lavoro è creare un flusso di lavoro, il cosiddetto workflow

Il flusso di lavoro ti aiuta a non perdere tempo, essere più produttiva perchè conosci già i passi da fare e quindi non ti perderai dei pezzi per strada.

Il workflow non è altro che un elenco delle attività che devi svolgere ogni volta che ti trovi a dover assolvere un determinato lavoro. I passaggi che fai per realizzarlo sono i compiti ripetitivi che devi elencare nel tuo flusso e sui quali puoi eventualmente andare a fare dei ragionamenti su quali eliminare, delegare o modificare affinchè il flusso sia più efficiente possibile.



#4 usa l'agenda

Un consiglio che forse può essere banale, ma che tanto banale non è. Fino a qualche anno fa la mia memoria funzionava come un PC ma, dopo due gravidanze e il passaggio agli enta mi è stato impossibile tenere tutto nella stessa testa. Troppe cose, troppi impegni, scadenze ed eventi da ricordare. Usare un'agenda cartacea o digitale, o meglio ancora un sistema integrato e sincronizzato, in cui segnare ogni cosa permette di ricordarla e di gestire eventuali imprevisti o problemi e programmare le attività in modo consapevole perchè le cose sono scritte sulla carta e non dobbiamo tenerle in memoria. 


#5 ogni cosa al suo posto


Se c’è una grande perdita di tempo è nel cercare le cose quando sono fuori dal loro posto abituale.

In base al tuo livello di maniacalità nell’ordine c’è sempre margine di miglioramento nell’organizzare e ordinare oggetti e documenti in casa ed in ufficio.

Per risparmiare tempo tenere in ordine gli spazi e gli strumenti di lavoro aiuta non solo a ritrovare subito ciò che serve ma anche a vivere ambienti più liberi e leggeri facendoci sentire meglio.
Lo sapevi che il professionista medio perde almeno 30 minuti al giorno alla ricerca di qualcosa nel suo spazio di lavoro?


#6 utilizza la tecnologia a tuo favore


Se sei indisciplinata e una volta entrata nei social ti perdi a scrollare le mille e mila informazioni e ispirazioni, fatti aiutare dalla stessa tecnologia a interrompere questo comportamento malsano.


#7 definisci le priorità e seguile


Avere delle priorità significa sapere quello che devi effettivamente fare. Se lavori a vista ogni giorno e non sai bene dove stai andando è ovvio che il rischio di perdere tempo è dietro l'angolo. 
Stabilire delle priorità aumenta la propria produttività personale e ci aiuta a capire quali azioni sono davvero importanti da seguire per farci raggiungere i risultati sperati.
Non ci sono solo urgenze nelle nostre giornate. E' necessario capire quali sono le attività urgenti, quelle importanti e quelle meno importanti per dare un'ordine ai compiti da svolgere. 


#8 stabilisci degli orari precisi per le tue attività


Avere degli orari prestabiliti per svolgere alcuni compiti può essere molto positivo. Ad esempio la posta elettronica ci porta sempre a distrarci per controllare nuove mail a cui rispondere e ci distraiamo da ogni nuova notifica che arriva. Stabilire degli orari vuol dire dedicarsi ad una specifica attività in un lasso di tempo bene preciso. Questo porta a sprecarne di meno, sfruttare al meglio il tempo che abbiamo impostato per quell'attività e arrivare a fine giornata più soddisfatte per aver dedicato il giusto tempo a diversi task che avevamo da completare.
Anche definire gli orari di lavoro aiuta a rispettare i tempi e a farli rispettare soprattutto ai clienti che sanno quando possono trovarti disponibile. 


#9 utilizza la tecnica del batching per aumentare il focus


Quando hai poco tempo è necessario sfruttare bene quello che hai a disposizione e poter avere la massima concentrazione su quello che devi fare per ottenere i massimi risultati.
Una dei sistemi più efficaci per aumentare il focus è la tecnica del batching: stabilisci una giornata o alcune ora in cui sai di non essere disturbata e approfitta per scrivere contenuti, produrre, pianificare, progettare tutte le attività che puoi.


#10 usa la ruota della produttività per sfruttare i tuoi orari migliori


Abbia tutte dei cicli di produttività diversi  e il nostro lavoro viene influenzato dai nostri livelli di energia. Conoscere come utilizziamo il nostro tempo e quali sono i momenti in cui siamo più produttive  e in quali invece abbiamo un momento down, è fondamentale per sapere come stiamo usando il nostro tempo e per sfruttarlo al meglio.

Sei più attiva al mattino presto? O lavori meglio e più concentrata nel pomeriggio? Sapere in quali momenti rendiamo di più ci offre la possibilità di seguire l'andamento naturale dei nostri cicli personali, favorendo il flusso delle nostre energie ottenendo il massimo. 

La ruota della produttività è uno strumento che consente di identificare e analizzare a quali attività stiamo dedicato il tempo nella nostra giornata per capire se stiamo facendo davvero ciò che conta davvero per noi.

Ti consiglio di usare la ruota per almeno un mese per avere un quadro sull’andamento delle attività e attivare qualsiasi tipo di miglioramento nel tuo processo di una buona organizzazione e gestione del tempo.


10-idee-salvatempo-per-organizzarti-quando-non-hai-tempo