Visualizzazione post con etichetta Organizzazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Organizzazione. Mostra tutti i post

24 agosto 2018

Come raggiungere gli obiettivi in 5 semplici azioni

Come raggiungere gli obiettivi in 5 semplici azioni

24 agosto 2018

come-raggiungere-gli-obiettivi-in-5-semplici-azioni


Raggiungere gli obiettivi, piccoli o grandi che siano, è un po' come scalare una montagna: quando sei lì sotto, ai suoi piedi, sei tutto entusiasta ed hai una grande motivazione che ti spingerebbe ad andare ben oltre la cima. Mano a mano che sali la vetta inizi a perdere un po' di entusiasmo, ti lasci travolgere dai pensieri limitanti, la tua mente viene attraversata dalle paure e dai dubbi più assurdi. Arrivi quasi sotto la tua méta e lì di solito succedono due cose: o sei riuscito a distribuire bene le energie, sia fisiche che mentali, fai un punto della situazione e ti rimetti in marcia per raggiungere la cima e guadagnare la vittoria, oppure ti fai prendere dall'ansia e dalla paura di non riuscire ad avanzare ancora prima di provarci, cadi nella disperazione e butti all’aria tutto il lavoro fatto fino a quel momento rinunciando a proseguire.

Non è per niente facile, il raggiungimento gli obiettivi richiede tempo ed impegno. Chi non vorrebbe riuscire in questa impresa? Chi non vorrebbe raggiungere il suo grande sogno?

Raggiungere un obiettivo non si può certo fare da un giorno all'altro. Puoi avvicinarti giorno dopo giorno alla tua meta solo passo dopo passo e procedendo gradualmente. Ci sono delle azioni che puoi fare per spingerti verso ciò che desideri perché nulla è impossibile se tieni a mente cosa vuoi fare e come lo vuoi fare.


Ecco cinque suggerimenti per iniziare da subito a lavorare per raggiungere davvero i tuoi obiettivi.


1. Programma gli eventi


Definisci un calendario temporale programmando con delle date specifiche entro le quali vuoi raggiungere quei determinati obiettivi. Sii realista e considera le variabili temporali che scandiscono la tua vita.
Non limitarti a pensare ma prendi carta e penna e metti per iscritto tutto quello che vuoi fare. Il magico potere della scrittura farà in modo di aiutarti a definire ancora meglio i tuoi desideri. Vederli scritti sul quaderno li potrai osservare con occhi diversi e sentirli con altre orecchie.


2. Stabilisci delle attività concrete da fare giorno per giorno


Tenendo sempre bene a mente qual è il tuo obiettivo specifico fai un elenco delle azioni suddividendole prima in settimanali e poi in giornaliere. Monitora costantemente l'andamento delle attività per verificare di aver compiuto tutte le azioni. Se non riesci a rispettare le scadenze riporta le azioni al giorno o alle settimana successiva se queste sono importanti per la realizzazione dei tuoi obiettivi. Per fare questo puoi creare una vera e propria routine quotidiana inserendo nelle tue giornate una nuova abitudine e dedicarci del tempo ogni giorno.


3. Passa all’azione


Quello che caratterizza il passaggio dal punto in cui sei ora a quello che vuoi raggiungere è il cambiamento. Il cambiamento è una condizione che mette a tutti un po’ (chi forse un po’ troppa) paura. Paura di un sacco di cose: di non essere all’altezza, di non saperlo fare, di non farlo bene o nel modo corretto, di infastidire qualcuno, di non avere le competenze necessarie. La cosa che smuove questo stato è l’azione: se non metto un piede davanti all’altro non raggiungerò neanche il primo campo base per arrivare in vetta. Perciò smetti di procrastinare, metti da parte  la pura di fallire e mettiti all'opera!


4. Rispetta la tua vita


Quando scegli un obiettivo questo deve essere in allineamento con lo stile della tua vita. Se l'obiettivo collima con le tue abitudini, non è coerente con il sistema in cui vivi sarà molto difficile da raggiunge. In alcuni casi potrebbe addirittura portarvi ad abbandonarlo. Le conseguenze del cambiamento causato dal raggiungimento di un obiettivo possono essere positive o negative.  L'obiettivo deve quindi rispettare il vostro universo ed essere coerente con il tuo progetto di vita e portare conseguenze positive e benefiche sia per te  che per chi ti sta accanto.
Tieni presente che non sempre le cose vanno come le avevamo pianificate. E' bene tenere in considerazione che durante il nostro percorso ci possono essere imprevisti ed ostacoli da affrontare. Per questo mantieni gli obiettivi fissati ma sii flessibile e pronta a fare dei cambi di programma.



5. Ricerca la motivazione


Può capitare che durante il periodo in cui lavori al tuo progetto tu ti senta stanca, scoraggiata o demotivata e non riesca a fare qualcosa per procedere. In questi casi manca la motivazione e bisogna ritrovare il piacere di inseguire i propri obiettivi e lavorare per raggiungerli. La motiv-azione, come dice la parola stessa, è la ricerca del motivo che ti spinge a compiere quella determinata azione.
La motivazione può essere definita come la spinta interiore che ti porta ad applicarti con impegno e costanza in una certa attività. E’ una sorta di forza interna che stimola, regola e sostiene le tue principali azioni.
Senza motivazione non vi è alcuna azione e tantomeno nessun risultato. Quando la motivazione vacilla è il caso di fermarsi e farsi queste domande: perchè voglio raggiungere questo obiettivo? quali sono le mie motivazioni? Le risposte a questi quesiti dovrebbe darti la direzione giusta per riprendere in mano la situazione e procedere con consapevolezza verso i tuoi obiettivi.


Scopri il mio nuovo corso gratuito per organizzare le idee e creare un planner creativo.



13 marzo 2018

Come creare una visual board per fissare i tuoi obiettivi

Come creare una visual board per fissare i tuoi obiettivi

13 marzo 2018


come-creare-una-visual-board-marymanicreative



All'inizio dell'anno ho individuato i miei obiettivi attraverso alcuni strumenti pratici e altri tecnologici. Generalmente nei mesi successivi si tende a perdere il filo con quelli che erano gli obiettivi, ci si demotiva e non si ha più quella carica di prima.

E' già il secondo anno che uso uno strumento visuale che mi aiuta a focalizzare i miei obiettivi e a mantenere il focus sulle cose che desidero, proprio per non perdermi nel caos che inevitabilmente arriva col passare delle settimane.
Non è certo una novità e nel web prende diversi nomi: inspiration board, tavola d'ispirazione, vision board, collage. In sostanza si tratta sempre della stessa cosa.

La visual board non è solo una semplice bacheca ma è uno strumento che aiuta a creare una sorta di mappa dei propri desideri. Diventa sotto un certo aspetto un vero e proprio rituale, un momento in cui connettersi con le proprie intenzioni e fissare esattamente gli obiettivi da raggiungere.

Le tavole inspirazioni sono molto potenti perchè, grazie all'utilizzo di immagini, vanno a sollecitare la nostra parte emozionale e creativa e ci spingono a trovare la spinta giusta per andare verso i nostri ideali. Osservare la board è un po' come fare una visualizzazione della vita che vorresti, di ciò che desideri. Le immagini hanno un grande potere: pensa a quanto ci fanno effetto alcune fotografie nella gallery di Instagram o quanto ci emoziona riguardare un vecchio album di famiglia.

La scelta e la selezione di immagini ti daranno la possibilità di concentrarti su quelle cose che per te sono davvero importati, ciò che andrà ad alimentare i tuoi veri desideri, lasciando fuori tutto quello che al momento non serve.

All'interno dell'inspiration board, di solito al centro, io ci metto  la mia parola dell'anno. La scrivo con una bella grafica e ben visibile perchè attiri subito la mia attenzione e mi riporti a ciò che per quell'anno ho deciso di lavorare.


Ecco come fare la tua visual board



Fissa i tuoi obiettivi e le parole chiave

La prima cosa da fare è visualizzare quali sono i tuoi obiettivi, i desideri, ciò che vuoi ottenere e realizzare nel tuo anno. Possono essere sia elementi concreti come un viaggio, una nuova casa, un arredamento rinnovato, ma anche emozioni e sensazioni che vuoi vivere, come ti vuoi sentire. La bacheca può essere realizzata anche per un progetto ben specifico, ti servirà come guida agli aspetti principali di cui devi tener conto per non allontanarti dalle consegne.
Durante la ricerca segnati delle parole chiave, quelle parole che risuonano dentro di te con un forte richiamo. Quelle parole che dette ad alta voce ti fanno percepire una certa vibrazione, ti sollecitano e creano movimento dentro di te.

come-creare-una-visual-board-marymanicreative


Seleziona le immagini

A questo punto c'è la fase di ricerca delle immagini. La prima cosa che puoi fare è prendere tutte le riviste, di qualsiasi tipo, che hai già in casa. Sfoglia e cerca le immagini, le scritte, le frasi che più si avvicinano alla tua visione e alle tue parole chiave. Prendi tutto, in un secondo momento potrai sempre fare una selezione delle migliori.
Un altro strumento molto utile è Pinterest: puoi creare una specifica Board da cui attingerai per scegliere le immagini che ti servono; poi stampale e ritagliale per creare il tuo collage.

come-creare-una-visual-board-marymanicreative



Crea il tuo personale collage

Ora arriva la parte più divertente e creativa del lavoro! Prendi tutti i tuoi ritagli, penne e pennarelli colorati e la tua base di lavoro (ti consiglio di prendere un cartoncino con formato A3 o in alternativa usare una bacheca in sughero),  sistema e organizza le immagini su tutto lo spazio che hai davanti. Una volta che sei soddisfatta della posizione incolla i vari pezzi sulla tavola. Aggiungi dettagli come scritte, ghirigori grafici, elementi naturali: tutto quello che può aumentare l'efficacia dell'ispirazione finale della bacheca.
La tua visual board è pronta per essere appesa in un posto ben visibile e possibilmente in cui la puoi vedere ogni giorno.


come-creare-una-visual-board-marymanicreative


Tutte le volte che la guarderai richiamerà in te uno o più elementi che ti riporteranno sulla strada giusta per raggiungere gli obiettivi e i desideri che ti eri prefissata.
Nei momenti in cui ti senti persa, ti assalgono i dubbi di non sapere cosa fare, osserva la tua bacheca: lì ci sono le cose che desideri veramente e la visualizzazione ti aiuterà a riprendere la voglia di rimetterti in gioco, perchè sei tu ad aver scelto cosa mettere lì dentro e solo tu sei capace di realizzarlo.


Condividi o pinna per dopo

come-creare-una-visual-board-marymanicreative







31 gennaio 2018

7 consigli per pianificare la tua giornata

7 consigli per pianificare la tua giornata

31 gennaio 2018


7 consigli per pianificare la tua giornata


Quante volte ti è capitato di dire o anche solo pensare "cosa diavolo ho fatto oggi?", "non ho mai abbastanza tempo per fare questa cosa!" o ancora "il tempo passa talmente in fretta che non riesco a concludere mai nulla".
Se hai risposto sì anche ad una sola di queste domande prosegui nella lettura, ti darò 7 consigli per pianificare la tua giornata in modo da gestire al meglio le tue attività ed arrivare a sera soddisfatta per ciò che hai fatto.

Il tempo è un bene prezioso: tutti abbiamo 24 ore al giorno, 168 ore alla settimana e 86.400 secondi al giorno. Forse pensi di avere un sacco di tempo o di non averne a sufficienza, ma quello di cui devi tenere sempre conto è dell'effettivo tempo che hai a disposizione. Il problema non è tanto la mancanza di tempo ma il corretto utilizzo che facciamo del nostro tempo.
Ecco 7 consigli per organizzare le tue giornate.

1. Scrivi il tuo piano d'azione ogni giorno

Letto così sembra molto difficile. In realtà prendersi del tempo, anche poco, ogni giorno prima di iniziare la giornata farà in modo di non perderne e ottimizzare al massimo quello a disposizione.
Usa lo strumento che ti piace di più, digitale o cartaceo, e stabilisci ogni giorno le attività giornaliere da fare. Non sceglierne troppe, da 3 a 5 sono il numero ideale, ma puoi allungare la lista tenendo ben presente che potrai spostare le cose non fatte ad un altro giorno.
Tieni il tuo piano sempre sotto mano in modo da controllare lo stato delle attività. E' importante scrivere ogni giorno la lista di cose da fare poichè non sai bene come andrà la giornata, puoi pianificare sì, ma devi tenere conto dei soliti imprevisti. Ogni giorno sarai quindi in grado di far fronte agli intoppi e modificare il tuo piano di azione senza grosse difficoltà. Se le tue giornate avessero 48 ore quasi sicuramente avresti altre mille cose da fare e il problema non sarebbe risolto.

2. Pianifica sempre alla stessa ora

Fare un qualsiasi gesto alla stessa ora crea un'abitudine (pensa solo ai bambini piccoli e alla routine della sera o al lavarsi i denti subito dopo i pasti). Acquisire un'abitudine è un po' difficile all'inizio ma se ne trovi beneficio poi entrerà a far parte della tua quotidianità. Alla sera o al mattino prenditi del tempo per compilare la tua lista di attività.
Io, per esempio, prima di addormentarmi faccio un riepilogo della mia giornata appena trascorsa, così, a memoria, e sulla base di quello poi pianifico le cose da fare per il giorno dopo. Spesso le scrivo, invece altre volte lo faccio a mente. La mattina faccio un piccolo ripasso delle cose da fare e me le appunto sul mio planning o sulla mia agenda. Diciamo che questo per me è anche un esercizio di memoria!
Non fissarti troppo sulle abitudini, queste possono cambiare in base a diversi fattori anche indipendenti da te, cerca di essere flessibile ai cambiamenti e agli imprevisti.

3. Definisci 3 attività specifiche da fare e stabilisci le priorità

Nel tuo calendario giornaliero scrivi 3 attività su cui lavorare: queste attività saranno quelle che ti permetteranno di raggiungere gli obiettivi mensili e annuali. Realizzando prima le attività più importanti, quelle che definirai prioritarie, sarai libera poi di lavorare su tutte quelle cose che hai lasciato da parte, smaltire i lavori in sospeso o dedicare un momento alla lettura o ad una passeggiata rigenerante. 
Il multitasking non va bene! Concentrati sulle attività che hai segnato e cerca di portarle a termine una alla volta per ottimizzare il tempo che hai a disposizione. Solamente dopo potrai essere libera di fare tutto il resto. Come si dice: prima il dovere poi il piacere! ^-^

4. Svolgi le attività rapide solo se ci impieghi meno di 5 minuti

So benissimo che ogni giorno ci sono quelle attività spicce che tu vuoi togliere subito di torno. Bene! Falle solo se pensi di impiagarci meno di 5 minuti, altrimenti posticipale o segnale in agenda per farle in un momento migliore. Questo farà in modo di non dover più riprendere in mano il compito più avanti e perdere ulteriore tempo.
Puoi anche pensare di delegare l'attività e farla fare a qualcun altro in grado di svolgerla. Se si tratta di un compito importante dovrai solo controllare che sia stata eseguita, altrimenti non te ne preoccupare più.

5. Tenere un'agenda separata per lavoro e famiglia

Avere due agende, una per gli impegni familiari e una per le attività legate al lavoro, può essere molto impegnativo oltre che di difficile gestione. Ognuna ha le sue buone ragioni per gestire separatamente gli impegni famiglia/lavoro ma considera che la tua giornata è una sola e le ore che hai a disposizione le suddividi già tra famiglia e lavoro. Se devi portare tuo figlio dal medico di sicuro segni in agenda "ore 10.30 appuntamento medico" calcolando una determinata durata dell'evento (mettiamo circa 1 ora). Indubbiamente devi togliere quell'ora di impegno famigliare dalla tua giornata di lavoro mettendo in conto eventuale tempo per il viaggio e il ritardo che può avere il medico (sappiamo che quasi mai sono puntuali!).
Il mio consiglio è quello di tenere un'agenda sola per tutti i tuoi impegni legati alla famiglia  e al lavoro. Un'ottima agenda per gestire entrambe le aree è questa.

6. Stabilisci un tempo per ogni attività

Per tutte le attività che hai elencato nel tuo piano giornaliero stabilisci il tempo stimato di massima per svolgere quel compito. Questo ti permetterà prima di tutto di verificare quanto tempo ogni attività occupa nella tua giornata, o meglio il tuo tempo a disposizione. Seconda cosa avrai definito una durata temporale per svolgere quella determinata azione in cui dovrai dare il massimo per rispettare la scadenza che ti sei data.

7. Gli strumenti utili per la pianificazione

Qui sotto ti riporto alcuni strumenti, digitali e non, che sono un valido aiuto o supporto alla tua pianificazione. Scegli tu quello più adatto a te!


  • un' app to-do che ti ricordi simpaticamente tutti i tuoi impegni
  • una to do list per aiutarti a gestire l'elenco infinito di cose da fare
  • il calendario di Google per avere tutto sincronizzato
  • un taccuino organizzare e condividere note e liste ovunque tu sia

Tu che strumenti usi per gestire le tue attività quotidiane? Riesci a rispettare i tuoi programmi o rimandi giorno dopo giorno le cose da fare?



15 gennaio 2018

Come pianificare e organizzare il tuo nuovo anno

Come pianificare e organizzare il tuo nuovo anno

15 gennaio 2018

come-pianificare-il-tuo-anno


Siamo finalmente entrati nel nuovo anno con un sacco di buoni propositi e una gran voglia di fare grandi cose. Per partire è importante avere gli strumenti giusti che ti serviranno per arrivare alla fine dell'anno e realizzare tutto ciò che desideri.
In realtà non servono tantissime cose, l'importante è che siano oggetti speciali e d'ispirazione per te, perchè sei tu l'artefice di ciò che realizzerai quest'anno!


Perchè è importante pianificare



Quando si parla di pianificazione c'è una gran confusione nell'associazione del termine e della sua messa in pratica tanto da portare ansia a chi pianifica e a chi non lo fa.
Pianificare significa regolare, organizzare, progettare secondo un piano ben preciso situazioni, avvenimenti ed eventi. Tutte le aziende che hanno una determinata struttura pianificano con largo anticipo le loro mosse; ma anche noi nel nostro piccolo, se ci pensi, pianifichiamo già molti mesi prima le nostre amate ferie. Si tratta quindi di trovare un metodo per organizzarsi in anticipo in funzione di ciò che dobbiamo realizzare, che sia il lancio di un prodotto o una vacanza alle Maldive.

Se siamo in grado di immaginare un evento allora siamo anche in grado di strutturare le azioni affinchè questo avvenga. La pianificazione nasce proprio con questo presupposto: pensare in modo strutturato in anticipo una serie di azioni cosicchè a far in modo che gli avvenimenti seguano un certo percorso che siamo noi a determinare.


Le domande da farsi per pianificare al meglio le attività


Prima di passare a selezionare gli strumenti pratici della tua pianificazione ci sono delle domande da porti.


Dove voglio andare?
Prima cosa devi chiarire il risultato che vuoi ottenere. All'inizio le idee sono molte e spesso confuse, bisogna fare ordine e stabilire le priorità. Ad esempio se voglio fare una vacanza di relax l'esigenza che devo soddisfare piuttosto chiara ma come la farò è ancora tutto da definire. 

Da dove parto?

Un'altra cosa molto importante è fare i conti con il percorso fatto finora, esso ti permette di valutare quali azioni mettere in atto nel futuro. Fai un'analisi obiettiva dell'anno passato, dove ti trovi e quali sono le risorse che hai a disposizione per procedere. Qual è il mio budget? Di quali vincoli devo tener conto? Quale risorse mi mancano che devo integrare? Ho bisogno di farmi aiutare da un esperto?

Quale strada devo seguire?

Ora puoi definire tutte le attività che ti permetteranno di raggiungere il tuo risultato finale. In questa fase è importante tenere presente che le variabili sono molte e la scelta della via da percorrere è tua, infatti puoi decidere di seguire la strada più veloce, o quella più economica, o ancora quella più lunga ma più sicura.  La cosa importante è scegliere la via che sei in grado di seguire, con i tuoi tempi e i tuoi modi per raggiungere i tuoi obiettivi. Puoi fare tutto da solo o scegliere di farti aiutare oppure delegare una parte delle attività.

Cosa potrebbe succedere durante il percorso?

Considera SEMPRE nella tua pianificazione una piccola parte dedicata agli imprevisti. Essi fanno parte delle nostre giornate e della nostra vita, e sono quelli che rompono la quotidianità e la routine delle nostre giornate. Nel tuo planning annuale tieni sempre in conto una percentuale di imprevisti che ti porterà via del tempo, cerca quindi di non riempirti l'agenda con tutto quello che ti viene in mente ma seleziona le cose più importanti lasciando dello spazio libero per quegli eventi che non puoi prevedere ora ma si verificheranno e non saranno per forza catastrofici (basta solo che si fermi l'auto di punto in bianco o tu debba cambiare il filtro della lavastoviglie).

Come faccio a sapere di essere sulla strada giusta?

Durante il percorso è importantissimo monitorare lo stato dei tuoi obiettivi per avere sempre sotto mano i risultati e correggere il tiro. Per raggiungere i risultati desiderati avrai pensato di fare determinate attività (fare un corso, scrivere dei testi, leggere dei libri, fare un percorso di coaching) che solo portandole a compimento ti permetteranno di arrivare ad ottenere i risultati prefissati. In caso contrario dovrai rivedere le attività e gli obiettivi e cercare di capire dove andare ad intervenire.


Gli strumenti con cui partire per pianificare il tuo anno


La parola dell'anno


E' già il terzo anno che scelgo la mia parola guida. Per questo 2018 sarà la parola AZIONE a farmi da guida, a tenere alta la mia motivazione e a far sì che metta in atto tutte quelle attività e idee che ho messo per iscritto.
Trovare la parola dell'anno è sempre emozionante e molto spesso è Lei che si presenta a te senza nemmeno che tu la cerchi. Chi l'ha sperimentato può dire di sicuro che funziona! Per approfondire l'argomento puoi leggere qui e farti seguire per 365 giorni di ispirazione.
Per festeggiare uno degli obiettivi che avevo l'anno scorso e ringraziare tutte le persone che lo hanno reso possibile ho realizzato una cornice floreale ispirata agli elementi naturali come foglie e fiori, tutta da colorare e decorare e in cui inserire al centro la parola dell'anno.
Se vuoi anche tu la cornice clicca qui , è gratis! Poi vieni su Instagram e condividi la tua parola.


L'agenda


Io credo che l'agenda perfetta non esista, ma esiste l'agenda che è perfetta per te e per un preciso momento della tua vita. Tutto cambia e si trasforma, sia nel BIZ che nella vita privata, perciò un'agenda dedicata al lavoro magari non sarà più così funzionale quando dovrai gestire anche dei figli e preferisci avere tutto in una così pure quando il tuo lavoro decolla e hai una gran mole di cose da fare non ti basterà più l'agendina da borsetta.
Io quest'anno ho preso questa  per la gestione di tutti gli appuntamenti e gli eventi importanti e sto lavorando con il mio Bullet Journal per la pianificazione più creativa delle mie attività partendo da un semplice Moleskine a pagine bianche.
Come vedi l'agenda è in funzione delle tue necessità. Se non sai proprio da dove iniziare nella scelta o hai qualche dubbio fai questo test per scoprire qual è la tua agenda.


Gli obiettivi


In questo momento è importante individuare e impostare gli obiettivi dell'anno: solo definendo bene la meta saprai esattamente quale strada prendere per arrivare a destinazione. Perciò non perdere altro tempo e metti nero su bianco quali sono gli obiettivi che intendi raggiungere quest'anno. Possono essere sia nell'ambito famigliare, nel tuo business o a livello personale. Non fissarne troppi però! Altrimenti rischierai di non raggiungerli tutti o addirittura nessuno. Inizia con sceglierne almeno 3, quelli che per te sono super importati, poi puoi aggiungerne altri più piccoli. La cosa importante è che siano scritti nel tuo planning o nella tua agenda e siano accompagnati da una data specifica entro i quali vuoi realizzarli, questo ti aiuterà  a stabilire i tempi in cui lavorarci. In questo post trovi 5 cose da fare per raggiungere i tuoi obiettivi.


L'intuizione


L'intuizione è una parte molto importante nella pianificazione e nel monitoraggio dell'andamento degli obiettivi. Circondati di tutto ciò che può aiutare, allenare, sviluppare la tua intuizione. Possono essere candele profumate, carte d'ispirazione, lo yoga, un libro, una consulenza di tarocchi, fare meditazione, scrivere le pagine del mattino.
Affinare l'intuito ti aiuta nelle scelte, ti segnala la via giusta da perseguire, ti fa scartare le idee non buone, ti illumina e ti fa ascoltare quello che veramente è dentro di te.

La cosa super importante è quella di non seguire le mode del momento o guardare quello che fanno gli altri. Trova sempre il metodo migliore per te a seconda delle tue necessità, prendi ispirazione da ciò che ti piace o dalle professioniste del settore ma mettici del tuo, farà la differenza nel raggiungimento dei tuoi obiettivi perchè, appunto, sono i tuoi. 


E tu, pianifichi sempre il tuo anno? Quali strumenti usi per affrontare l'anno nuovo? E soprattutto funzionano?

28 agosto 2017

Come organizzare un party a tema di successo

Come organizzare un party a tema di successo

28 agosto 2017

Quando non ci troviamo di fronte a feste  "canoniche" ci sono sempre degli eventi speciali che vale la pena di rendere unici e memorabili, soprattutto quando si tratta dei più piccini.

A maggio abbiamo festeggiato il quinto compleanno di mia figlia organizzando una piccola festa di compleanno simpatica e carina  tutta fatta in casa. In tanti pensano che sia difficile e che si debba per forza di cose ricorrere ad un'organizzatrice di eventi, così ho penato di condividere con voi una piccola guida con dei consigli utili per organizzare voi stessi il vostro prossimo evento. Che sia un compleanno o un'occasione speciale vedrete che con gli strumenti giusti ed un po' di organizzazione non è poi così complicato.




Come organizzare un party a tema: spunti e idee per un party di successo


Scegliere il tema del party

La prima cosa importantissima da fare è scegliere il tema della festa. Su questo elemento infatti si basa tutto il resto e l'organizzazione degli altri dettagli e passaggi dipende dalla scelta della tematica. Ricorda che un'idea semplice è anche più realizzabile e non è necessario fare grandi cose per ottenere un risultato che soddisfi.
Alcune idee possibili da cui partire:
- cartoni animati o personaggi famosi
- colori
- periodi storici particolari
- un oggetto particolare



Location del party

Di fondamentale importanza è la scelta del luogo dove si svolgerà la festa. Se non organizzi l'evento in casa dovrai verificare in tempo utile la disponibilità di sale adatte allo scopo nella tua città, i costi e i servizi annessi, pulizie e quant'altro ti serva. Se organizzi in casa, tua o di parenti, verifica i locali che hai a disposizione, se ci sono tutti gli accessori che ti servono (prese, servizi igienici, pareti, tavoli, sedie, ecc).
Se hai in mente un party all'esterno assicurati di avere tutto il necessario per ovviare al problema tempo o troppo sole (un gazebo o degli ombrelloni possono risolvere il problema).


Colori adatti al tema

Dalla scelta del tema definisci una palette colori che faranno da filo conduttore per tutto il resto, dagli addobbi al cibo, dagli inviti all'eventuale abbigliamento da tenere. Su Design Seed trovi un sacco di palette che ti aiutano a definire i colori.




To-do-list per ogni cosa

Il passaggio importante e che ti aiuterà nel tenere sotto controllo tutto è fare delle liste per ogni argomento della festa. Elenca in fogli diversi addobbi, decorazioni e accessori che ti servono e i dettagli per la loro realizzazione. Se non sai cucinare sai già che torta e pasticcini hai bisogno di acquistarli, perciò puoi delegare questo lavoro e avere più tempo da dedicare a qualcos'altro. Segnati anche l'indicazione dei tempi necessari per ultimare i tuoi preparativi e non arrivare all'ultimo minuto!
- Elenco degli invitati
- Cibo, bevande, dolci
- Accessori e arredamento (sedie, tavoli, luci, ecc)
- Addobbi e decorazioni
- Regali
- Extra




Mettere in ordine le idee

Ora che il tema principale è stato scelto dovrai cercare di trovare delle idee da declinare per tutti gli elementi attorno al tema principale.
Crea una bacheca su Pinterest, anche per il singolo evento, e cerca tutte le inspirazioni che ti piacciono (attenzione che crea dipendenza e la perdita nello spazio è assicurata!).
Cerca dei negozi locali oppure on-line che offrano materiali e kit già pronti per le feste, risparmierai tempo nel girovagare per la città in cerca di tutto l'occorrente e sarai sicuramente originale. Io ho trovato  su IRPOT tutto il necessario per la festa di compleanno, un sito molto carino e rifornito su tantissimi temi.


Inviti

Circa una settimana prima dovrai preparare e distribuire gli inviti alle persone della lista che hai precedentemente preparato.
Avendo ricercato e selezionato le idee ti baserà recuperare il materiale che ti serve se li prepari da te oppure comprarli già fatti. Anche se il fatto a mano sarà sicuramente più apprezzato! Questo è il biglietto barchetta che ho fatto l'anno scorso.





Musica, intrattenimento e giochi

Se ti piace l'idea di allietare festeggiato e invitati durante la festa ma non sai da dove partire qui trovi ben 101 idee per una festa a tema suddivise per temi, stagioni ed età del festeggiato. Non hai che l'imbarazzo della scelta.



Ringraziamenti

Da quando preparo il compleanno di mia figlia mi piace pensare e confezionare un piccolo regalino per gli invitati che possano portare via alla fine della festa. Mi sembra un modo carino e gentile per dire GRAZIE della loro presenza e del loro dono alla festeggiata. E poi i bambini sono sempre felici di portarsi via un ricordo materiale.



Ora hai tutti gli strumenti per organizzare la tua festa di successo e stupire i tuoi invitati.
Ora ti lascio un regalo: un planner scaricabile per organizzare al meglio il tuo party e tenere traccia di tutto ciò che serve.





Se hai bisogno di aiuto o consiglio posso darti il mio supporto. Scrivimi e vediamo insieme come progettare e organizzare il tuo evento.


21 febbraio 2017

Come creare un'agenda personalizzata

Come creare un'agenda personalizzata

21 febbraio 2017


In questo post di inizio anno ti elencavo alcuni strumenti base da usare per la pianificazione dell'anno e ti raccontavo della'idea di farmi un'agenda fai-da-te per capire quali siano realmente le mie necessità per la programmazione e gestione del mio 2017.



Negli ultimi anni ho sempre usato un'agenda "classica" e per il nuovo anno ne avrei comprate almeno tre che mi piacevano e avevano caratteristiche che mi servivano. Prima di fare compere a casaccio, e ritrovarmi con tante agende inutilizzate, ho deciso di rimandare gli acquisti e che prima avrei valutato esattamente cosa volevo da un'agenda.
L'anno scorso ho scoperto il Bullet Journal e mi ha subito ispirata ma non sapevo come poterlo usare e lo trovavo troppo laborioso sotto certi aspetti. Poi, però, ho deciso di provare a vedere in che modo poteva essermi di aiuto e  nel mio caso si è rivelato molto utile.
Grazie a questo metodo riesco a pianificare le attività del blog, per essere più costante con le pubblicazioni degli articoli, appuntare gli avvenimenti e gli eventi più importati, gestire la comunicazione sui social e annotare idee, spunti e contenuti utili per il mio piccolo business.



Il BuJo è un sistema che ti permette di creare un planner a seconda delle tue esigenze perchè le pagine le crei tu e ci metti quello che vuoi partendo da una semplicissimo quaderno a pagine bianche.
Uno degli aspetti che mi è piaciuto di più è che ti permette di riprendere in mano carta e penna per segnare le cose, che in questo modo si memorizzano meglio, e poi ti viene una gran voglia di riempire gli spai vuoti con disegnini e colori!

Ho preso spunto da questo sistema per fare un mix rispetto alle mie esigenze e vediamo cosa verrà fuori, essendo un'agenda " in costruzione" durante l'anno inserirò altre pagine, toglierò o aggiungerò delle sezioni, modificherò la struttura del calendario, fino a trovare l'assetto giusto.

Potrebbe sembrare difficile strutturare ogni singola pagina di un planner, ma ti darò alcuni consigli per creare e gestire la tua agenda personalizzata.


1. Definisci il tema principale della tua agenda


Se vuoi realizzare un'agenda fai-da-te devi prima chiederti per che cosa utilizzerai l'agenda e quale sarà l'ambito o il settore che vuoi gestire sulla carta. A mio parere è impossibile far stare in un'agenda tutti gli appuntamenti di lavoro, famiglia, personali, idee e pensieri, perciò è bene chiarire fin da subito quale sarà il tema o i temi principali della tua agenda. Quindi seleziona bene gli argomenti e elencali su un foglio.


2. Fai una scaletta delle sezioni e dei contenuti che ti servono


In base all'argomento o se più di uno che hai elencato  definisci quali sono gli ambiti principali che la devono caratterizzare. Per esempio:

- hai bisogno di un calendario mensile, settimanale o giornaliero? O tutti e tre?
- che tipo di informazioni devi segnarti e quanto spazio ti serve?
- hai bisogno di spazio per le note?
- devi monitorare degli obiettivi o delle spese?
- quali sono gli appuntamenti, giorni importanti, eventi che devi segnarti?

Segnati su un foglio tutto quello di cui hai bisogno per organizzare le tue giornate/mesi. In base a questi elementi scegli le pagine da dedicare e la struttura che devono avere per permetterti di agevolarti nella pianificazione.


3. Scegli il formato e inizia a scrivere


Con le informazioni che hai raccolto non ti resta che scegliere il formato della tua agenda. Puoi comprare una nuova agenda a pagine bianche o utilizzare quel vecchio quaderno che conservi da anni nel cassetto. Se hai bisogno di aggiungere o togliere pagine un quaderno ad anelli può fare al caso tuo.
Ricordati di aggiungi dei separatori, in alto o sul alto, per trovare meglio ogni sezione. Puoi ricorrere ad agende già usate o che non usi e recuperare i vecchi talloncini.
Ora prendi penne, colori, adesivi e sbizzarrisciti con la fantasia per disegnare le tue pagine e buon lavoro!


4. Lasciati ispirare e utilizza dei stampabili già pronti


Qui ti segnalo alcune blogger e creative che hanno degli strumenti che possono esserti utili per realizzare un'agenda o un planner per la tua pianificazione e dove puoi trovare sezioni già pronte da scaricare così in poco tempo riesci a comporre le tue pagine e sezioni.

  • Se cerchi dei consigli sulla gestione della casa e della famiglia e non solo ti consiglio di dare un'occhiata ai stampabili di  Nuove Abitudini
  • Se cerchi consigli d'uso, ispirazioni e materiale per planner vai sul blog di Una vita a colori
  • Se cerchi modelli e to-do-list per blog e il tuo business ti consiglio Oh My Brand!, troverai tanti modelli già pronti per gestire e pianificare le tue attività
  • Non sai disegnare, ti mancano idee su come impostare le singole pagine, vuoi sapere cosa si può inserire in un'agenda? Nessun problema, Pinterest   è una fonte inesauribile di idee (occhio alla dipendenza e alla perdita di tempo!)


Ti piace l'idea? Ti è venuta voglia di iniziare a realizzare la tua agenda personalizzata?

Se hai domande, dubbi o suggerimenti scrivimelo nei commenti.

12 gennaio 2017

Parola d'ordine pianificazione

Parola d'ordine pianificazione

12 gennaio 2017

Innanzitutto Buon Anno!


L’inizio di qualcosa è sempre speciale, ricco di buoni propositi, di eccitazione, di paura, di aspettative e di un carico di energia positiva che ti farebbe strafare in qualsiasi ambito.





A gennaio ormai siamo abituati a pianificare l’intero anno per tenere tutto sotto controllo  - o almeno proviamo a farlo - tanto da comprare qualsiasi agenda, planner, block e quadernetti per appuntare idee e progetti. Ma ti sei mai chiesta se tutto quello che prendi ti è davvero utile e poi, sinceramente, lo usi davvero?
Io me lo sono chiesta proprio per l’anno nuovo e ho deciso di ottimizzare le “voglie” in quello che davvero mi servirà per raggiungere i miei obiettivi. Condivido con te i miei strumenti che aiutano nella pianificazione nel caso trovassi qualcosa di utile e interessante che ti ispiri per lavorare in questo fantastico 2017!


  • La PAROLA DELL’ANNO è la tua ispirazione per tutto l'anno, quella parola speciale che ti aiuta come un faro a guidarti lungo tutto il percorso e ogni volta che ti senti un po' perso ti riporta nella giusta direzione. Io la uso per il secondo anno e, se l’anno scorso non avevo ancora capito bene come usarla, quest’anno sono più consapevole della sua importanza, l’ho cercata, disegnata e affissa sulla parete della mia craftroom e la guardo ogni giorno affinchè mi riconnetta con il bisogno principale. Se anche tu vuoi scoprire qual’è la tua parola puoi seguire il mini corso di Susannah Conway o affidarti al percorso Incanto di Ilaria Ruggeri (affrettati, è disponibile fino al 15 gennaio). In questo post invece invece trovi alcune ispirazioni se vuoi sapere come usarla. Ah, la mia parola dell’anno è FOCUS!
  • Mi sono regalata UN ANNO DA SOGNO con la super coach Giada Carta. Ho bisogno di avere uno stimolo continuo per raggiungere i miei obiettivi , perchè lei ti sa dare la giusta spinta per arrivare dove vuoi arrivare - anche con qualche calcio in culo se serve! - perchè ho bisogno di avere un programma da seguire e lavorare meglio sui miei obiettivi e desideri e infine avere un valido supporto per non abbattermi alla prima difficoltà ma continuare a credere in quello che faccio.
  • UN’AGENDA DIVERTENTE che ogni giorno ti regali delle frasi simpatiche e motivazionali, con tanti adesivi da attaccare, comoda da portare con te ma soprattutto che ti vien voglia di usarla per scriverci di tutto.
  • Sono tantissime le agende che mi piacerebbe avere, tipo questa, questa e questa, ma mica posso comprarle tutte, e poi cosa me ne faccio se non le uso neanche mezze! Mi sembrerebbe un vero peccato, io l’agenda voglio che sia usata e valorizzi il mio lavoro. Non avendone trovata ancora una che faccia al caso mio, ho deciso di crearmi UN’AGENDA FAI DA TE così da capire che cosa mi serve davvero da un’agenda. Ma di questo ne scriverò in un altro post.
  • dove vai se il CALENDARIO EDITORIALE non ce l’hai? Tasto molto dolente ma necessariamente indispensabile se vuoi lavorare con blog e social. Il mio non è proprio così definito e uno degli obiettivi di quest’anno è proprio quello di riuscire a programmare il mio lavoro per concentrare meglio le energie e gestire il tempo tra le tante attività da fare.

Ci sono anche altre cose da aggiungere ma direi che queste sono quelle base da cui partire, tutto il resto si inseriranno nel corso dell'anno, ne sono sicura.

E tu, quali sono i tuoi strumenti per affrontare al meglio l’anno nuovo? Che agende usi con cui ti trovi bene? Raccontamelo nei commenti, sono curiosa di scoprire altri elementi utili per la programmazione e l’ispirazione.