Visualizzazione post con etichetta Tutorial. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Tutorial. Mostra tutti i post

22 novembre 2018

Corona dell'Avvento con candele e secchielli fai da te

Corona dell'Avvento con candele e secchielli fai da te

22 novembre 2018





L'Avvento è un momento particolare dell'anno che segna l'inizio del periodo di Natale. Per la mia famiglia è un po' una tradizione comprare o realizzare la corona dell'Avvento e io sono ben felice di creare una composizione d'Avvento ogni anno che ci accompagni fino al Natale.
L'anno scorso ho fatto questa con elementi naturali dallo stile rustico che ho messo come centro tavola in cucina.
Quest'anno ho pensato a qualcosa di più semplice simpatico utilizzando un po' di materiale che avevo in casa senza spendere troppo (infatti ho comprato solo le candele).
L'idea è molto semplice: quattro candele con quattro secchielli con l'aggiunta di qualche piccola decorazione e voilà, in poco tempo e con una spesa minima una nuova Corona dell'Avvento.

Ho fatto un breve tutorial con qualche suggerimento per riciclare altro materiale che forse hai in casa senza comprare cose nuove.



Occorrente


  • 4 candele lunghe
  • 4 secchielli piccoli
  • sassi o graniglia
  • numeri in cartoncino o panno
  • nastro, nastrini, cordino
  • decorazioni naturali, fiori e foglie o simili
  • base in legno rettangolare (o altro supporto con forma allungata)



Come fare una corona dell'Avvento con i secchielli


Posiziona le candele nel secchiello colando un po' di cera sul fondo in modo che funga da collante. Al posto del secchiello puoi usare anche dei barattolini in vetro o i piccoli vasi in terracotta per le piantine grasse.

Riempi il secchiello con i sassi o la graniglia. Se non li hai puoi tranquillamente usare dei legumi secchi che hai in casa. Sulla superficie puoi mettere del muschio, delle pigne o altri elementi naturali per coprire i legumi.




Decora la candela con i nastrini, aggiungi qualche elemento naturale come spezie (io ho usato anice stellato e bastoncini di cannella) e poi incolla i quattro numeri su ogni candela oppure sul secchiello.





Fissa o incolla i secchielli sulla base per essere sicura che non si muovano quando sposti la composizione. Come base puoi usare un pezzo di legno come ho fatto io ma in alternativa vanno benissimo un vassoio, un sottotorta spesso rivestito di carta decorata, un vaso per i fiori ovale capovolto. Qualsiasi cosa che trovi in casa con un po' di fantasia andrà benissimo.




Ora aspettiamo insieme la prima domenica di Avvento per accendere la candelina numero 1!


25 luglio 2018

Come costruire una pressa per i fiori fai da te

Come costruire una pressa per i fiori fai da te

25 luglio 2018

Pressare ed essiccare piante e fiori è un'antica tecnica per preservare queste specie e conservare la loro bellezza nel tempo. All'inizio era il metodo con cui botanici e biologi conservano le specie per studiarle e catalogarle e realizzare dei veri e propri cataloghi ed enciclopedie (gli erbari) contenenti le descrizioni e le caratteristiche di ogni pianta.

Oggi raccogliere e pressare i fiori è diventato oggetto di passioni ed hobby creativi per realizzare tantissimi oggetti e prodotti di home decor. Io lo trovo anche un modo per fermarmi ad osservare ciò che mi circonda, soffermarmi sui particolari degli elementi naturali e ammirarne la complessità nella loro apparente semplicità. Mi piace anche perchè è un lavoro che richiede tempo, cura, attenzione e un po' di pazienza e che mi porta ad immergermi completamente con la testa ed i pensieri in un mondo magico mentre compio tutti i passaggi.



costruire-pressa-fiori-fai-da-te-DIY


Ci sono diversi modi di essiccare: i libri sono di certo i sistemi più diffusi, alla portata di tutti e più economici, poi ci sono le presse che garantiscono una miglior pressatura grazie alla pressione omogenea creata dalla presenza delle viti. Esistono poi i torchi professionali che offrono sicuramente delle migliori garanzie di qualità ma che indubbiamente hanno il loro costo e il loro ingombro.

In questo post ti mostro come puoi realizzare una pressa artigianale in legno fai da te molto semplice per essiccare piante e fiori. L'estate è il momento migliore per raccogliere una grande varietà di specie e realizzare un erbario personale!
Vediamo cosa ti occorre e come fare.


Cosa ti serve



  • 2 tavole di legno multistrato di spessore 1 cm
  • 4 fogli di cartoncino ondulato aerato (recuperabile da scatole di imballaggi)
  • 4 viti di ferro filettate di 8 cm
  • 8 rondelle
  • 4 farfalle da avvitare
  • trapano

costruire-pressa-fiori-fai-da-te-DIY



Come fare


Taglia o fatti tagliare le tavole in legno delle dimensioni di 20 x 25 cm ( o a tuo piacimento con le misure che preferisci, ma ti consiglio di non farla troppo grande, un formato A4 potrebbe essere sufficiente anche per portarlo con sè). Puoi recuperare anche vecchie tavole che hai già in casa, non è necessario acquistare del nuovo compensato, l'importante è che abbiano una superficie abbastanza dritta e omogenea (io ho riciclato delle ante di un mobile di casa che abbiamo smontato).
Con la matita segna quattro punti negli angoli di ogni tavola a 1,5 cm dal bordo esterno.

costruire-pressa-fiori-fai-da-te-DIY



Pratica quattro fori con il trapano negli angoli in corrispondenza dei segni a matita prendendo la misura del diametro della vite che hai comprato. E' conveniente montare le tavole una sopra l'altra e praticare un foro unico per essere più precisi, altrimenti puoi farne una alla volta.

costruire-pressa-fiori-fai-da-te-DIY


Ritaglia i cartoncini ondulati nella misura di 19 x 24 cm (devono essere leggermente più piccoli delle dimensioni delle tavole). Poi taglia gli angoli in diagonale a circa 3,5 cm da ogni lato: in questo modo il cartoncino rientrerà nell'area interna alle viti. In alternativa puoi praticare i fori anche ai cartoncini e inserirli nelle viti, ma io lo trovo un po' più scomodo per l'utilizzo.

costruire-pressa-fiori-fai-da-te-DIY



La pressa è praticamente pronta.
Infilale viti filettate nei fori avendo cura di posizionare le rondelle tra la testa della vite e la tavola in legno. Inserisci i fogli di cartoncino e posiziona la seconda tavola in legno. Infila le altre rondelle e avvita le farfalle.

costruire-pressa-fiori-fai-da-te-DIY


A questo punto puoi decorare la tavola superiore con tutto quello che vuoi: puoi dipingerla, pirografarla come ho fatto io, incollarci dei ritagli di cartoline o illustrazioni a tema botanico o addirittura i fiori pressati una volta pronti, avendo cura di proteggendoli con una mano di vernice protettiva.



costruire-pressa-fiori-fai-da-te-DIY



Come essiccare i fiori: consigli utili



  • Raccogli i fiori o le piante in una giornata asciutta, senza rugiada, e quando il fiore è al massimo della sua fioritura
  • Metti i fiori raccolti nella pressa il prima possibile per conservare al meglio i colori e la loro forma
  • Disponi i vari elementi tra i fogli di cartone in modo da distanziarli bene tra loro posizionandoli su un foglio di carta assorbente o di carta forno.
  • Chiudi la pressa e attendi almeno una settimana prima di aprirla; puoi controllare lo stato delle tue piante anche prima ma meglio aspettare per non compromettere il processo di essiccazione. I tempi di essiccazione variano a seconda della pianta e della tipologia ma in genere sono sufficienti  da 1 a 3 settimane. Meglio controllare di tanto in tanto per evitare spiacevoli sorprese!


Ricordati di rispettare la Natura e avere cura di prendere solo le specie che possono essere raccolte senza deturpare la vegetazione. Se osservi bene intorno a te molto spesso si possono raccogliere anche fiori e petali appena caduti naturalmente dalla pianta, come se fossero una sorta di dono da parte loro.

Buona raccolta e conservazione della bellezza!


costruire-pressa-fiori-fai-da-te-DIY

28 novembre 2017

Calendario dell'avvento: coni di carta da appendere - DIY

Calendario dell'avvento: coni di carta da appendere - DIY

28 novembre 2017

calendario-avvento-coni-di-carta

L'avvicinarsi di dicembre è sinonimo di Calendario dell'Avvento.
Io ne ho sempre avuto uno e tutti gli anni immancabilmente, anche se sono cresciuta, mi piace averlo in casa ed ora che ho una bimba piccola l'idea di farlo da noi mi piace ancora di più. Assaporare quella sensazione di attesa nell'aprire le caselline ogni giorno e contare quanto tempo manca al Natale è sempre piacevole, è un momento per fermarsi e pensare a quanto il tempo passi davanti a noi, con il desiderio che trascorra in fretta e che arrivi presto il giorno di Natale.

Ogni anno mi piace cambiare soggetto e tipologia per realizzare il nostro personalissimo calendario così da circondarmi di qualche novità creativa. Per il 2016 avevamo costruito insieme a mia figlia delle stelle di carta 3D.
Quest'anno ho scelto di realizzare dei coni che sembrano quasi delle buste da appendere.
In casa ho poco posto e nel salotto praticamente nessuna parete libera che vada fino a terra perciò ho temporaneamente tolto dei quadri e appeso il nostro calendario in un posticino comodo e in cui possiamo guardarlo per contare insieme ogni giorno che passa fino alla magica notte di Natale.

Qui sotto vi lascio il tutorial passo passo per realizzare il vostro Calendario dell'Avvento. Ho pensato che vi avrebbe fatto piacere ricevere in regalo le tag con i numeri da mettere su ogni cono. Potete scaricare lo stampabile più sotto.

occorrente


calendario-avvento-coni-di-carta-DIY




 carta o cartoncino tinta unita o decorato
 forbici
 carta adesiva (la trovi nelle cartolerie più rifornite oppure online)
 nastro biadesivo o colla
 punzonatrice
 spago o cordoncino
 bastoncino o altro supporto



come fare i coni di carta


Io non avevo a disposizione della carta decorata, non avevo il tempo materiale per andare a prenderla al negozio di bricolage oppure ordinarla on line. Così ho preso dei cartoncini rossi, alcuni recuperati, e ho timbrato la superficie con un piccolo timbro a stella con il colore bianco. Una bella idea di riciclo vero?



calendario-avvento-coni-di-carta-DIY


Ritaglia dal cartoncino dei quadrati di 12x12 cm di lato.
La misura consente di formare un cono in cui inserire dolcetti abbastanza piccoli e non troppo voluminosi. Se hai già idea di metterci dolciumi che occupano spazio basterà aumentare le dimensioni del quadrato.


calendario-avvento-coni-di-carta-DIY

Su un lato metti una striscia di nastro biadesivo o un po' di colla.


calendario-avvento-coni-di-carta-DIY


Piega prima il lato opposto a dove hai messo l'adesivo o la colla verso il centro del quadrato, poi piega sopra l'alto lato e incollalo a quello sotto formando il cono, proprio come nella foto.


calendario-avvento-coni-di-carta-DIY


Ora piega il triangolino per chiudere il cono


calendario-avvento-coni-di-carta-DIY


Con la punzonatrice (io ho utilizzato una con la forma a stella) fai un foro al centro della parte in alto per farci passare il cordoncino per appendere il cono.


calendario-avvento-coni-di-carta-DIY


Stampa su carta adesiva i cerchietti con i numeri che ho preparato per facilitarti il lavoro.
Se non hai la carta adesiva puoi sempre stampare su carta bianca e incollare i talloncini con comunissima colla (ottimi adesivi fai da te ^-^).
Scarica lo stampabile cliccando il pulsante qua sotto





calendario-avvento-coni-di-carta-DIY

Ritaglia tutti i cerchietti con la forbice o, per avere un tratto più preciso e uguale, usa una fustella tipo questa (ci sono varie dimensioni).


calendario-avvento-coni-di-carta-DIY


Ora riempi tutti i coni con i dolcetti che hai scelto e chiudi l'aletta con gli adesivi numerati.
Poi infila un cordoncino, dello spago o del nastrino nel foro creato in alto e attaccali al supporto che hai a disposizione, magari mettili ad altezze diverse così da creare un po' di movimento all'insieme.


calendario-avvento-coni-di-carta-DIY

Se ti è piaciuto il tutorial condividilo sui social e mi aiuterai a diffondere le idee creative e di ispirazione in questo periodo natalizio. Siamo sempre tutti alla ricerca di qualcosa di speciale!

15 novembre 2017

Scuola di uncinetto 2: materiale e attrezzature

Scuola di uncinetto 2: materiale e attrezzature

15 novembre 2017



L'uncinetto è una di quelle tecniche che permettono di ottenere buoni risultati partendo da materiali veramente economici e addirittura di riciclo (come nel caso dei filati).

Dopo aver fatto conoscenza con la terminologia dell'uncinetto in questa seconda lezione della Scuola di Uncinetto vedremo quali materiali e attrezzature sono indispensabili per cominciare.


materiali e attrezzature del lavoro ad uncinetto


Cosa ti serve per cominciare a lavorare ad uncinetto

  • uncinetti: la misura dell'uncinetto è espressa in millimetri; ce ne sono di varie dimensioni che partono da 0,40 mm per le lavorazioni più sottili tipo i pizzi a quelli più grandi da 15 mm per lavorare i filati più grossi. Esistono uncinetti fati da materiali diversi: in plastica, in alluminio, in metallo, in legno o ergonomici. Per cominciare vanno benissimo quelli classici in metallo, poi, mano a mano che farai pratica, troverai il modello più adatto a te e alla lavorazione che devi eseguire. Non esiste l'uncinetto perfetto, ognuno di noi avrà un modo diverso di tenere e lavorare con l'uncinetto e dipenderà molto dalla tensione del filo che si riesce a mantenere durante la lavorazione, questo infatti è uno dei punti più importanti del lavoro e che ne determina la riuscita finale. In base alla grossezza del filato sarà necessario scegliere l'uncinetto più giusto. Nella scheda allegata trovi una tabella comparativa delle misure degli uncinetti che ti sarà molto utile per la scelta nel caso di schemi stranieri.

  • filati: la parte più difficile all'inizio è quella della scelta del filato. Solitamente quando si acquista il filato sull'etichetta sono presenti tutte le indicazioni di lavorazione e sarai in grado di capire quale filo e uncinetto usare. Non esiste nemmeno qui il filo o la marca perfetto, si tratta di capire quale filo scegliere in base al lavoro da fare. Potete anche usare materiali diversi dal comune come spago a fettucce di recupero da vecchie magliette, dal filo metallico a cordini particolari. Nella scheda allegata trovi una tabella indicativa che ti aiuterà nella scelta del filato.



  • accessori: per completare il cesto da lavoro saranno sufficienti un paio di forbici, un ago da lana per fermare il filo, dei segnapunti, spilli e un metro




Ora non ti resta che scaricare la scheda che ho preparato, anzi sono due schede, in cui troverai:


  • tabella comparativa degli uncinetti
  • come scegliere il giusto filato





Bene, con questa lezione abbiamo terminato la prima parte di teoria. Ti aspetto tra qualche settimana per la terza lezione in cui andremo a vedere i primi punti base. Nel frattempo prepara il tuo cestino da lavoro con tutto il materiale per essere pronta alla pratica!


25 ottobre 2017

Come fare delle simpatiche zucche a uncinetto

Come fare delle simpatiche zucche a uncinetto

25 ottobre 2017

L'autunno è già inoltrato e Halloween si avvicina. Quale momento migliore per riempirci di zucche e zucchette di tutti i tipi per decorare le nostre case!
Le zucche sono uno degli elementi decorativi della stagione autunnale, ce ne sono di tutte le forme e di tanti colori, e tante altre sono gustosissime da mangiare.
Se mi segui su Instagram sai che ultimamente sono circondata da zucche di ogni tipo e ho lanciato lì l'idea di condividere questo semplice schema a uncinetto per realizzare delle simpatiche zucche ornamentali. 



Se ne fai tante puoi decorare la tavola, metterle in fila sul davanzale della finestra o sopra una mensola, o ancora passarci un filo attraverso il gambo e farne una ghirlanda da appendere.
Vediamo cosa ti occorre e come fare.

Cosa ti serve



  • lana colorata a piacere (se hai degli avanti ancora meglio così li recuperi)
  • uncinetto n. 4
  • ago con punta
  • forbici
  • imbottitura


Punti usati


cat:
mma: mezza maglia alta
mmacdr: mezza maglia alta in costa dietro
mbss: maglia bassissima

Come fare la zucca


Lavorare 15 cat
1° giro: 2 cat (valgono come 1 mma), 14 mma, girare il lavoro
2°-18° giro: 2 cat (valgono come 1 mma), 14 mma, girare il lavoro
Non chiudere il lavoro.





Piegare a metà il lavoro tendendo il filo di inizio del lavoro sia dietro e sulla parte sinistra. Unire i due lati corti con 14 mbsscdr puntando l'uncinetto nell'asola dietro alla prima catenella e in quella davanti della seconda fila del lato opposto


Proseguire lungo tutto il lato.


Terminare il giro chiudendo il lavoro nella seconda cat dell'ultimo giro con 1mbss.
Non chiudere il lavoro e tagliare il filo lasciarlo lungo circa 20 cm per eseguire il montaggio della zucca.




Con l'ago passare in tutte le maglie del lato libero creando una filza.


Tirare il filo per chiudere il foro.


Saldarle il filo con un punto sotto altri altri punti per fissare la filza. Passare il filo dentro al cilindro per portarlo sul lato opposto e fare la stessa filza di chiusura dall'altra parte del lavoro.



Prima di chiudere il lavoro riempire la zucca con l'imbottitura.


Tirare il filo per chiudere il foro e saldare il filo con un punto per fissarlo, ma non tagliarlo.




Passare l'ago dal centro della zucca sul lato opposto tirando leggermente per appiattire la parte centrale. Ripassare l'ago sull'altro lato e tirare leggermente. A questo punto fissare e saldare il filo nascondendolo sotto i punti.


Come fare il gambo


Con la lana di colore diverso avviare 3 cat.
1° giro: 1 cat, 5 mb nelle cat iniziali
2°giro: 1 cat (vale come prima mb), 4 mb
3°-6° giro: lavorare in tondo 5 mb senza chiudere il giro. Chiudere l'ultimo giro con 1 mbss, saldare e tagliare il filo lasciandolo lungo circa 15 cm

Montaggio del gambo
Posizionare il gambo al centro di un lato della zucchetta e fissarlo con alcuni punti nascosti alla base. saldare e tagliare il filo.



La zucca è finita! Era facile vero?





Se realizzi delle zucche con il mio tutorial pubblica le foto sui social taggando il mio profilo @marymanicreative e usando #marymanicreative e #schemicreativi così posso vedere tutti i progetti con le zucche!